Informazioni su Kochi(交趾)Kochi-yaki, Kochi-ware(交趾焼)

Kochi, Kochi-ware (Cochin-ware) è descritto in giapponese come Kochi-yaki (交趾焼) = Kochi(交趾)+ yaki(焼)as Sansai (三彩: sān cǎi(cn), Tricolore), Hoka (法花: Fǎ huā(cn)), ecc., che erano ceramiche e porcellane cotte in Cina e Vietnam nella regione della Cocincina.

Dal momento che è stato portato in Giappone da una nave mercantile marittima, Kochi-ware, che all’epoca era un mezzo di scambio, la ceramica con tali colori è nota da tempo come “Kochi” a Kyoto.

Kochi-ware = ceramiche e porcellane a smalto a bassa cottura originariamente cinesi.

A Kyoto ha il significato di copiare e rispettare quello spirito.

Kochi-yaki (Kochi) = la “ceramica in stile Kochi” di Kyoto, o ceramica Kochi (Kochi-yaki) continua a essere distinta.

Nel periodo Edo, i principali ceramisti di Kyoto chiamarono Kochi e Kochi-yaki, e svilupparono la ceramica cinese in uno stile giapponese e la svilupparono come una nuova ceramica che si adatta allo stile di vita giapponese.

Anche dopo la seconda guerra mondiale, alcune “ceramiche in stile Kochi” prodotte in Giappone erano abitualmente chiamate “Kochi-yaki” o autoproclamate. Ad esempio, quando i successivi Roseki vengono introdotti nei giornali e nei libri relativi alla cerimonia del tè, vengono presentati come Kochi-yaki. Dal momento che molte persone sono confuse, abbiamo più possibilità di chiamarci Kochi-yaki come una ceramica di articoli Kochi.

Pertanto, Kochi ware è un termine generale per ceramiche e porcellane a smalto a fuoco basso originariamente cinesi e ceramiche giapponesi in stile Kochi, ed è usato nei dizionari tipici giapponesi come Kojien , che mostra i tipi di ceramica come celadon, tintura e ceramica tecniche.
Si può dire che è un nome comune generale elencato in Giappone.

Yoshinori AKAZAWA Roseki Ⅴ

BFA, Università Municipale delle Arti della città di Kyoto, Belle Arti, (Kyoto, Giappone)

Membro IAC Accademia Internazionale della Ceramica (Svizzera, Ginevra)

Membro della Società educativa delle belle arti dell’università delle arti della città di Kyoto (Kyoto, Giappone)


I colori base di Kochi e come chiamarli

colori classici di Kochi sono gli stessi colori verde, giallo e viola del Sansai. E bianco. Dopo la seconda guerra mondiale, Asagi divenne disponibile in modo stabile. Il cosiddetto colore blu, Ruri è anche chiamato Konjo.

A Kyoto, il colore varia a seconda della famiglia di ceramisti. Nei tempi moderni, ci sono ceramisti che cercano di imitare i colori delle altre case così come sono. C’è decenza e la famiglia che si tramanda da generazioni mantiene il suo colore unico, pur astenendosi dal cambiare leggermente il colore dalle altre case.

● Ao-Kochi (Verde : Ao-gochi Colloquialism)

La ceramica a smalto verde è chiamata Midori o Ryokuyu, ma a Kochi è chiamata Ao. Ao significa blu nel giapponese moderno. Nell’antico Giappone tutto il verde si chiamava Ao. Sembra che la gamma di colori dal blu al verde in Giappone sia stata chiamata Ao fin dai tempi antichi, e Akazawa Roseki l’ha chiamata Ao-Kochi (Ao-gochi) per generazioni. Si chiama Ao-Kochi (Ao-gochi) nelle conversazioni in luoghi pubblici come le cerimonie del tè.

● Ki-Kochi (Giallo : Ki-gochi)

La 2a e 3a generazione Roseki ha meticolosamente ideato una mescola basata sul prototipo giallo che si vede spesso oggi a Kyoto. Il colore giallo cambia a seconda del metodo di cottura, quindi ci vuole molta pazienza per fornire un colore giallo Roseki coerente anche con lo stesso materiale. I materiali cambiano nel tempo. Meiji, Taisho, Showa, Heisei e la glassa si evolvono. Shuzo Akazawa Roseki Ⅱ è stato cresciuto da tutti come Roseki di Ki-kochi esponendo in mostre pubbliche e ricevendo premi.

● Murasaki-Kochi (Viola : Murasaki-gochi)

A causa della natura della glassa viola, è facile soffiare bolle e piccoli fori chiamati pinhole tendono a rimanere dopo la cottura, quindi è stato a lungo evitato come colore fastidioso. Roseki II fu uno dei primi a introdurre un forno elettrico a Kyoto e lo utilizzò con successo per riprodurre con successo Murasaki-Kochi.

● Shiro-Kochi (Bianco : Shiro-gochi)

Kochi, una glassa formulata con pigmenti bianchi o una glassa trasparente.

● Asagi-Kochi (Turchese : Asagi-gochi)

Asagi in giapponese significa il cosiddetto colore turchese. Il rame è lo stesso materiale colorante di Ao-Kochi (verde), ma se la glassa è acida diventa Ao-Kochi (verde) e se è alcalina diventa Asagi-Kochi (blu turchese). Dopo la guerra, è diventato possibile sparare in modo stabile e ora è il colore di base. Asagi-Kochi è anche talvolta chiamato Ao-Kochi.

● Ruri-Kochi (Blu : Ruri-gochi)

Il cobalto è la base per lo sviluppo del colore dal blu vivido all’indaco. È caratterizzato da vari colori lapislazzuli a seconda della combinazione con altri pigmenti che vengono prodotti. Il blu nel nostro giapponese moderno è chiamato Ruri in lingua arcaica.

● Moegi-Kochi (Giallo Verde : Moegi-gochi)

Moegi è un colore giallo-verde. In altre parole, se è una miscela di giallo e verde, o se è verde chiaro, viene talvolta chiamato Moegi.